Il Centro Storico di Monza

Sport e Cultura

DUOMO

Il Duomo venne fondato alla fine del VI secolo dalla regina Teodolinda, celebrata nella storia per avere guidato la conversione dei longobardi al cattolicesimo. Di questa prima fase quasi nulla sopravvive, ad eccezione di pochi materiali edilizi e di resti dell'arredo liturgico oggi conservati nel Museo.
Tra il 200 ed il 300, si colloca la trasformazione dell'antica basilica nell'attuale Duomo, sotto il segno dei Visconti. Nel 1346, viene consacrato l’altare maggiore. Nella seconda metà del secolo Matteo da Campione  realizza la grande facciata "a vento", il pulpito ed il battistero. La sua lapide funeraria (1396), è immurata all'esterno della cappella del Rosario. Egli fu interprete dell'aspirazione dei Visconti a realizzare una grande basilica per le incoronazioni imperiali, secondo la tradizione germanica che imponeva all'imperatore di assumere tre corone: quella d'argento ad Aquisgrana, quella d'oro a Roma e quella "di ferro" a Monza. A Matteo spetta anche la costruzione delle due cappelle gemelle ai lati dell'abside maggiore. Quella di destra, dedicata al S. Rosario, quella di sinistra, dedicata a Teodolinda. I dipinti che oggi ornano l’interno del Duomo risalgono prevalentemente al 700, secolo che trasforma l'edificio in una sorta di antologia della pittura tardobarocca.
La torre campanaria, con la sua altezza di circa 75 metri, svetta nel cielo di Monza, La sua costruzione dura da 1592 al 1606.
La Cappella di Teodolinda, si trova a sinistra dell’abside centrale, fu affrescata dagli Zavattari tra il 1444 ed il 1446 con episodi tratti dalla “Historia Langobardorum”. La cappella custodisce la Corona Ferrea ed il sarcofago contenete le spoglie della regina Teodolinda.  La Corona Ferrea, straordinaria realizzazione di oreficeria bizantina, è venerata come reliquia: al suo interno si trova un cerchietto in ferro che, secondo la tradizione, fu ricavato da uno dei chiodi usati per la crocefissione di Cristo. La Corona divenne il simbolo stesso del Regno d’Italia e fu utilizzata per incoronare Carlo V d’Asburgo, Napoleone e Ferdinando I.

ARENGARIO

Costruito nel 1200 quale sede del governo prende il nome dal germanico hari-hriggs che significa circolo dell'esercito, ossia anello, in quanto i membri dell'assemblea cittadina si sedevano in cerchio.
L'antico palazzo municipale ha caratteristiche architettoniche tipiche dell'età gotica. La facciata sud è dominata da una loggetta delimitata da lastroni di marmo definita "parlera",  e con al centro un leggio. Qui venivano letti i decreti del Comune e si arringava il popolo. La facciata nord è caratterizzata da una torre campanaria, in cotto, quadrata, merlata e cuspidata.
Il piano terra si contraddistingue per l’ampio porticato delimitato da due campate di pilastroni in pietra sormontati da archi a sesto acuto in cotto, ornati con tarsie di marmo bianco. Tale spazio veniva utilizzato per il mercato.
Al primo piano si trova una grande aula, un tempo utilizzata per le adunanze ed oggi spazio museale, caratterizzata da pareti in cotto nelle quali sono inserite una serie di trifore con colonnine di marmo bianco, incorniciate da archi a tutto sesto.

Distanza dall’Hotel: Km 4

www.comune.monza.it


© Euro Hotel Residence | p.iva 05006880966
20863 Concorezzo (MB) via Monza 27 ang. Via Brodolini
Tel. 039.60441 - Fax 039.6044600 - info@eurohotelresidence.it

Hotel a Monza - Business hotel con centro benessere Brianza - Hotel business vicino a Milano